logo-robur logo-robur
Carriere Come raggiungerci Accesso G3 Webmail aziendale
#AmbienteProtetto
27/07/2014

#AmbienteProtetto

Scuole più efficienti e sostenibili con il nuovo piano del governo #AmbienteProtetto

Risparmio concreto con le pompe di calore Robur
20.000 € di risparmio annuale dei costi di riscaldamento rispetto alla soluzione precedentemente installata. E’ questo il risultato concreto della recente riqualificazione dell’Istituto Comprensivo “D. Alighieri” di Torre Boldone, che include le scuole primaria e secondaria di primo grado. Un intervento che ha previsto l’installazione di una soluzione in pompa di  calore ad assorbimento Robur (GAHP – Gas Absoprtion Heat Pump) funzionante a metano ed energia rinnovabile aerotermica, la fonte energetica più vantaggiosa sempre disponibile gratuitamente, 24 ore al giorno.

Pompe di calore Robur per innalzare l'efficienza dell'intero impianto scolasticoLe pompe di calore Robur innalzano l'efficienza dell'impianto già esistente
L’intervento realizzato presso l’istituto scolastico ha previsto di affiancare la soluzione Robur alle caldaie esistenti, ancora in buone condizioni, innalzando sensibilmente l’efficienza totale dell’impianto. Il già citato risparmio economico è stato possibile grazie all’aumento dell’efficienza del 73% rispetto alla soluzione precedentemente installata, come confermano i risultati della prima stagione di utilizzo. Anche l’ambiente ringrazia: a conti fatti la soluzione Robur ha permesso una riduzione di 94 tonnellate di CO2 e un risparmio di 29 tonnellate equivalenti di petrolio, per rendere l’idea è come se si fossero messi a dimora quasi 4.000 alberi.
 
Altri esempi misurati di risparmio nei costi annuali di riscaldamento
Altre scuole di ogni ordine e grado in tutta Italia hanno scelto le soluzioni per il riscaldamento e condizionamento Robur: dall’istituto comprensivo “U. Follador” di Agordo (BL) alla scuola dell’infanzia di Oulx (TO), dall’istituto comprensivo “M. Montessori” di Sulbiate in Brianza alla Scuola secondaria di primo grado “L. Martini” di Sustinente (MN), dalla scuola primaria di Poppi (AR) all’Università degli Studi del Sannio a Benevento. alla Scuola dell'Infanzia di Carobbio degli Angeli (BG), solo per fare alcuni nomi.
 
Esempi anche in Europa: riduzione drastica delle emissioni di anidride carbonica (CO2)
In Europa già da tempo si è colto il potenziale della tecnologia ad assorbimento. Il caso più prestigioso è quello di Open University, a Milton Keynes, poco più a nord di Londra, la più grande università del Regno Unito e una delle più grandi al mondo con i suoi 250.000 studenti iscritti. La soluzione Robur in pompa di calore ad assorbimento a metano con energia rinnovabile geotermica ha contribuito alla strategia di riduzione delle emissioni di CO2 dell’Università, che ha anche beneficiato del programma ministeriale per l’efficientamento energetico nell’edilizia scolastica. Altro bell’esempio è quello dell’amministrazione comunale di Plaidt, in Germania nei pressi di Coblenza, che ha riqualificato la scuola primaria comunale risalente ai primi anni ’20 con una pompa di calore ad assorbimento geotermica. Il monitoraggio sul campo eseguito dal colosso dell’energia E.On Ruhrgas conferma che la soluzione Robur ha ridotto del 39% i costi di riscaldamento e del 44% le emissioni di CO2 annuali rispetto alla soluzione precedente costituita da pompe di calore elettriche.
 
I nuovi piani del Governo Renzi per la riqualificazione energetica
Esempi virtuosi da seguire, questi, soprattutto oggi viste le opportunità di riqualificazione e di efficientamento energetico degli edifici e le recenti disposizioni del piano Renzi per l’edilizia scolastica. In particolare il decreto #AmbienteProtetto, che mette sul piatto 300 milioni di euro per finanziare a tassi agevolati interventi per incrementare l’efficienza energetica di scuole e Università. Per ottenere i finanziamenti a tasso agevolato sarà necessario eseguire la diagnosi energetica dell'immobile e redigere la certificazione energetica. Gli interventi dovranno portare risultati concreti nel miglioramento del parametro di efficienza energetica dell’immobile di almeno due classi in tre anni. Inoltre, il Consiglio dei Ministri ha anche approvato un decreto che esclude dal patto di stabilità i comuni virtuosi che hanno in progetto di costruire nuove scuole per il biennio 2014/15.

Un'opportunità già esistente: il Conto Termico (consulta anche la sezione dedicata del sito incentiviriscaldamento.it)
Infine anche il Conto Energia Termico può dare una mano alle pubbliche amministrazioni, consentendo la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con un impianto ad alta efficienza maturando importanti incentivi.
Quello recentemente approvato è un pacchetto per quasi 3 miliardi di Euro che fornisce gli strumenti giusti per ‘correre’ verso un’Italia sostenibile anche e soprattutto dal punto di vista ambientale ed energetico.
 

Efficienza energetica: le opportunità per la Pubblica Amministrazione


Pacchetto europeo clima-energia 20-20-20
Decreto di recepimento della Direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica
Tra le misure previste riqualificare energeticamente ogni anno almeno il 3% della superficie climatizzata della pubblica amministrazione.

Conto Termico
​Consente alla Pubblica Amministrazione di sostituire l’impianto di climatizzazione invernale con un nuovo impianto dotato di pompe di calore ottenendo importanti incentivi economici.
 

Scuole più efficienti e sostenibili: Decreto #AmbienteProtetto


Per incrementare l'efficienza energetica degli edifici scolastici e universitari, saranno concessi finanziamenti a tasso agevolato per un importo complessivo di oltre 300 milioni di euro.
   

Gli Enti Pubblici che hanno già installato Robur


Clicca su una slide qui sotto e sfoglia la galleria oppure SCARICA il book delle referenze dell'EDILIZIA SCOLASTICA di Robur.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info