logo-robur logo-robur
Carriere Come raggiungerci Accesso G3 Webmail aziendale

AREA TECNICA // DOSSIER TECNICI // TECNOLOGIA DELL'ASSORBIMENTO // Confronto economico tra pompa di calore e caldaia a condensazione per il residenziale

Confronto economico tra pompa di calore e caldaia a condensazione per il residenziale

 

Ripaghi l’intero impianto in meno di 6 anni... nei successivi 4 risparmi oltre 8.500 euro, pari a più di 2.000 euro all'anno.


Tra i tanti vantaggi della pompa di calore Robur K18 c’è l’accesso agli incentivi statali dedicati alle tecnologie più efficienti.
 

Il confronto economico


Ecco un utile confronto economico che tiene conto sia degli incentivi ottenibili che dei risparmi tra una soluzione con pompa di calore ad assorbimento a gas aerotermica Robur K18 e una caldaia a condensazione in caso di sostituzione dell’impianto di riscaldamento.

Grafico di confronto tra risparmio e incentivi ottenibili con pompa di calore K18 o caldaia
 

Assunzioni di base al grafico

 
  • Strumenti di incentivazione (per dettagli circa l’accessibilità si rimanda ad altra documentazione specifica):
    • Conto Termico 2.0: per la sola pompa di calore K18; la caldaia non ne può usufruire;
    • Finanziaria 65%: sia per la pompa di calore K18 che per la caldaia a condensazione.
  • Abitazione in zona climatica E.
  • Spesa annua di gas per riscaldamento e acqua calda sanitaria: 3.300 euro all'anno.
  • Investimento comprensivo di apparecchi, accessori e manodopera. Sono escluse pratiche amministrative e la redazione dei documenti di legge.
  • Risparmio annuo rispetto al precedente impianto (rendimento 90%):
    • con pompa di calore K18: 40%;
    • con caldaia a condensazione: 15%.
  • Periodo di confronto: 15 anni, pari alla vita media di un apparecchio di riscaldamento domestico.
 

I risultati


La tecnologia della pompa di calore Robur K18 beneficia di 2 diversi schemi di incentivazione, non cumulabili, ma alternativi tra loro:
  • gli incentivi del Conto Termico, erogati tramite bonifico in 2 anni;
  • la detrazione fiscale del 65% del costo dell’investimento complessivo da detrarre per 10 anni dalla dichiarazione dei redditi.
Diversamente da Robur K18, per l’impianto con caldaia a condensazione, l’unica possibile agevolazione è quella della detrazione fiscale del 65%.

Il risultato economico dei benefici ottenibili dalla somma dei risparmi energetici e degli incentivi, nell’arco della vita utile dell’impianto (stimata mediamente, in 15 anni), evidenzia bene l’estrema convenienza della soluzione con pompa di calore K18 rispetto alla soluzione con caldaia a condensazione. Questo grazie alla maggiore efficienza, che negli anni si trasforma in un importante vantaggio di risparmio energetico ed economico.

Da notare che il Pay Back Time, cioè il periodo entro i quali si ha un rientro dell’investimento, è di circa 5 anni con il Conto Termico e di 6 anni con la Finanziaria. Questo significa che i costi di investimento iniziali, a prescindere da quali siano stati, sono azzerati in pochi anni. È da questo momento che il vantaggio della soluzione con pompa di calore diventa significativo grazie alla maggiore efficienza e a minori costi energetici.

Con i dovuti e opportuni adattamenti ad altre condizioni di funzionamento, possiamo estendere questa simulazione ad altri casi di convenienza economica della soluzione con pompa di calore K18 in impianti di riscaldamento e produzione di acqua calda ad uso sanitario.
 

Le conclusioni


Confronto pompa di calore K18 e caldaia a condensazioneIn un impianto di riscaldamento il costo di investimento è spesso inferiore ai consumi da sostenere nell’arco delle vita media dell’impianto (o quantomeno dell’apparecchio di generazione del calore). È quindi più importante valutare attentamente quanta energia consuma l’impianto nell’arco della sua vita, piuttosto che il suo costo iniziale.

Spesso, infatti, un impianto a basso costo di acquisto ha efficienze minori, quindi maggiori consumi. Sostituire una vecchia una caldaia con una di maggiore efficienza significa risparmiare combustibile, ma, nel tempo, questo investimento si rivelerà poco lungimirante perché il risparmio economico sarà poco significativo rispetto alla situazione precedente.

Il nostro consiglio? Valutare bene il costo di acquisto di un nuovo apparecchio per il riscaldamento ma, ancora più importante, considerare attentamente il risparmio economico che garantirà nel tempo. È più importante l’efficienza rispetto al costo iniziale!
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info